Cos’è la digital transformation?

Share post

Tempo di lettura: 5 min
La digital transformation è l’integrazione della tecnologia digitale in tutte le aree di un’azienda, cambiando radicalmente il modo di operare e di fornire valore ai clienti. È anche un cambiamento culturale che richiede alle organizzazioni di sfidare continuamente lo status quo, di sperimentare e di abituarsi al fallimento.

La digital transformation è un imperativo per tutte le aziende, dal piccolo all’impresa. Questo messaggio arriva forte e chiaro da apparentemente ogni keynote, tavola rotonda, articolo o studio relativo a come le aziende possono rimanere competitive e rilevanti man mano che il mondo diventa sempre più digitale. Ciò che non è chiaro a molti leader aziendali è il significato della digital transformation. È solo un modo accattivante per dire “passare al cloud“? Quali sono i passi specifici da compiere? Dobbiamo progettare nuovi posti di lavoro per aiutarci a creare un quadro di riferimento per la trasformazione digitale, o assumere un servizio di consulenza? Quali parti della nostra strategia di business devono cambiare? Ne vale davvero la pena?

Una nota: Alcuni leader ritengono che il termine stesso “digital transformation” sia diventato talmente diffuso, così ampio, che è diventato inutile. Il termine potrebbe non piacervi. Ma che lo amiate o no, i mandati di business dietro il termine – ripensare i vecchi modelli operativi, sperimentare di più, diventare più agili nella vostra capacità di rispondere ai clienti e ai rivali – non vanno da nessuna parte.

Questo articolo mira a rispondere ad alcune delle domande comuni sulla digital transformation e a fornire chiarezza, in particolare ai CIO e ai leader IT, comprese le lezioni apprese dai vostri colleghi e dagli esperti di digital transformation. Poiché la tecnologia gioca un ruolo fondamentale nella capacità di un’organizzazione di evolvere con il mercato e di aumentare continuamente il valore per i clienti, i CIO giocano un ruolo chiave nella digital transformation.

Vale anche la pena di notare che le organizzazioni di oggi sono in luoghi diversi sulla strada della digital transformation. Se vi sentite bloccati nel vostro lavoro di digital transformation, non siete soli. Una delle domande più difficili nella digital transformation è come superare le gobbe iniziali dalla visione all’esecuzione. Crea angoscia: molti CIO e organizzazioni pensano di essere molto indietro rispetto ai loro colleghi sulla trasformazione, quando non è così.

Anche le organizzazioni che si trovano lungo il percorso della digital transformation si trovano ad affrontare difficili e continui ostacoli, come il budget, le lotte per i talenti e il cambiamento culturale. Cerchiamo di trovare consigli per le organizzazioni in vari luoghi sulla strada del cambiamento.

Una definizione di digital transformation

Dato che la digital transformation avrà un aspetto diverso per ogni azienda, può essere difficile individuare una definizione che valga per tutte. Tuttavia, in termini generali, definiamo la digital transformation come l’integrazione della tecnologia digitale in tutte le aree di un’azienda, con conseguenti cambiamenti fondamentali nel modo in cui le aziende operano e nel modo in cui forniscono valore ai clienti. Oltre a ciò, si tratta di un cambiamento culturale che richiede alle organizzazioni di sfidare continuamente lo status quo, di sperimentare spesso e di abituarsi al fallimento. Questo a volte significa abbandonare i processi aziendali di lunga data su cui le aziende si sono basate a favore di pratiche relativamente nuove che sono ancora in fase di definizione.

Con una pletora di articoli e varie definizioni di digital transformation, è facile capire perché ci sia un po’ di confusione intorno all’argomento. Ad esempio, l’autore Greg Verdino si concentra su ciò che le aziende che subiscono la digital transformation possono aspettarsi di ottenere. Dice: “La digital transformation colma il divario tra ciò che i clienti digitali già si aspettano e ciò che le aziende analogiche offrono effettivamente“.

Una definizione di The Agile Elephant sottolinea tutti i modi in cui le aziende possono avere bisogno di adattare le loro pratiche esistenti: “[La digital transformation] comporta un cambiamento nella leadership, un diverso modo di pensare, l’incoraggiamento all’innovazione e a nuovi modelli di business, incorporando la digitalizzazione degli asset e un maggiore uso della tecnologia per migliorare l’esperienza dei dipendenti, dei clienti, dei fornitori, dei partner e degli stakeholder della vostra organizzazione“.

E la definizione di Wikipedia, seppur vaga, tocca il modo in cui gli effetti della digital transformation si estendono al di là delle imprese fino alla società nel suo complesso. “La digital transformation è il cambiamento associato all’applicazione della tecnologia digitale in tutti gli aspetti della società umana“, afferma.

Leader, pensate a cosa significherà la digital transformation – in pratica – per la vostra azienda e come la esprimerete. “Il digitale è una parola carica che significa molte cose per molte persone“, dice Jim Swanson, Senior Vice President/CIO e Head of Digital Transformation di Bayer Crop Science (e in precedenza CIO, Monsanto.) Quando si parla di digital transformation, approfondisci cosa significa, consiglia.

Alla Monsanto, Swanson ha discusso della digital transformation in termini di centralità del cliente. “Parliamo di automatizzare le operazioni, di persone e di nuovi modelli di business“, dice. “All’interno di questi argomenti sono racchiusi l’analisi dei dati, le tecnologie e il software, che sono tutti fattori abilitanti, non driver“.

Al centro di tutto c’è la leadership e la cultura“, dice Swanson. “Potresti avere tutte queste cose – il punto di vista del cliente, i prodotti e i servizi, i dati e le tecnologie davvero cool – ma se la leadership e la cultura non sono al centro, falliscono. Capire cosa significa il digitale per la vostra azienda – sia che siate un istituto finanziario, agricolo, farmaceutico o di vendita al dettaglio – è essenziale“.

Melissa Swift, che dirige la Digital Advisory for North America and Global Accounts di Korn Ferry, concorda con l’opinione di Swanson secondo cui la parola “digitale” ha un problema perché significa molte cose per molte persone.

Dite ‘digitale’ a una persona e pensano di non usare la carta; un’altra potrebbe pensare all’analisi dei dati e all’intelligenza artificiale; un’altra ancora potrebbe pensare ai team di Agile; e un’altra ancora potrebbe pensare agli uffici open space“, nota l’autrice.
‘Digitale’ è una parola che scotta. E questo causa molto dolore nelle organizzazioni.
Immaginate di ordinare un hamburger più e più volte, e di ottenere di tutto, da un hot dog a un panino al pollo a una Caesar salad…”, dice.

I leader devono essere pienamente consapevoli di questa realtà mentre inquadrano le conversazioni intorno alla digital transformation.

Perché la digital transformation è importante?

Un’azienda può assumere la digital transformation per diversi motivi. Ma di gran lunga la ragione più probabile è che devono farlo: È un problema di sopravvivenza per molti.

Howard King, in un articolo scritto per The Guardian, la mette così: “Le imprese non si trasformano per scelta perché è costoso e rischioso. Le imprese passano attraverso la trasformazione quando non sono riuscite ad evolversi“.

Lo sottolinea anche John Marcante, CIO di Vanguard: “Basta guardare l’S&P 500. Nel 1958, secondo l’American Enterprise Foundation, le società statunitensi sono rimaste su quell’indice per una media di 61 anni. Nel 2011 erano 18 anni. Oggi, le aziende vengono sostituite sull’S&P circa ogni due settimane. La tecnologia ha guidato questo cambiamento, e le aziende che vogliono avere successo devono capire come fondere la tecnologia con la strategia“.

La spesa nella trasformazione

I leader delle imprese hanno in gran parte recepito il messaggio, e stanno definendo le priorità di conseguenza. IDC prevede che la spesa mondiale per le tecnologie e i servizi che consentono la digital transformation raggiungerà 1,97 trilioni di dollari nel 2022, secondo la Worldwide Semiannual Digital Transformation Spending Guide (IDC). Sostengono che che la spesa per la digital transformation crescerà costantemente, raggiungendo un tasso di crescita annuo composto di cinque anni del 16,7%.

IDC prevede che, entro il 2020, il 30% delle aziende del G2000 avrà stanziato un budget di capitale pari ad almeno il 10% delle entrate per alimentare le proprie strategie digitali“, ha detto Shawn Fitzgerald, direttore della ricerca, Worldwide Digital Transformation Strategies. “Questo spostamento verso il finanziamento del capitale è importante, dato che i dirigenti aziendali riconoscono la digital transformation come un investimento a lungo termine. Questo impegno a finanziare la DX continuerà a guidare la spesa anche nel prossimo decennio“.

Le organizzazioni sono in diversi punti del percorso di digital transformation, naturalmente. Ma la velocità è diventata un imperativo di business per tutti. I leader IT sono sotto pressione per dimostrare che le iniziative digitali continuano a tradursi in una maggiore agilità e velocità per l’intera organizzazione.

Come scrive Dion Hinchcliffe, VP e analista principale di Constellation Research: “I top manager IT nelle organizzazioni odierne in rapida evoluzione devono essere all’altezza del ritmo del cambiamento, rimanere indietro o guidare il gruppo. Questa è la questione esistenziale in gioco nei tempi odierni, in cui l’azione audace deve essere attivamente supportata da una sperimentazione fuori dagli schemi e da una ricerca di nuovi percorsi.
Questo deve essere fatto mentre si gestisce l’inesorabile battito quotidiano di tamburi di problemi operativi, la fornitura di servizi e i capricci dell’imprevedibile, come un importante attacco cibernetico o la violazione delle informazioni. Il CIO di quest’anno deve essere sia un giocoliere di priorità estremamente magistrale che un leader digitale efficace dal fronte“. Il miglioramento dell’esperienza del cliente è diventato un obiettivo cruciale – e quindi una parte cruciale della digital transformation. Hinchcliffe definisce la customer experience senza soluzione di continuità “il fattore discriminante più importante per il funzionamento di un’azienda“.